c'è un intruso!

c'è un intruso!
come fregare il cacciatore

lunedì 4 aprile 2011

"Ich bin ein Lampedusaner" ovvero "Lampidusanu sugnu"

Il 26 giugno 1963 l'allora presidente americano John Fitzgerald Kennedy in visita ufficiale a Berlino Ovest,
poco dopo la costruzione del muro, pronunziò un discorso dal balcone del Rathaus Schöneberg, che conteneva questa frase che voleva comunicare agli abitanti della città e a quelli della Germania Ovest la vicinanza e l'amicizia degli Stati Uniti e costituire una forma di incoraggiamento morale:
«Duemila anni fa l'orgoglio più grande era poter dire 'civis Romanus sum' (sono un cittadino romano). Oggi, nel mondo libero, l'orgoglio più grande è dire 'Ich bin ein Berliner'. Tutti gli uomini liberi, dovunque essi vivano, sono cittadini di Berlino, e quindi, come uomo libero, sono orgoglioso delle parole 'Ich bin ein Berliner'»

Il 30 marzo 2011 l'attuale presidente del consiglio italiano Silvio Berlusconi in visita ufficiale a Lampedusa, insieme a un elegante bouquet di promesse fantaeconomiche ai lampedusani (liberazione dagli immigrati, colori alle case, casinò, campo da golf, esenzioni fiscali e premio Nobel per la pace), per dimostrare la serietà delle sue intenzioni ha annunciato che sarebbe diventato pure lui lampedusano, avendo nottetempo acquistato su internet per uno e mezzo-due milioni una villa (peraltro brutta e invenduta da quaranta anni per l'adiacenza all'aeroporto e le conseguenti persistenti rumorosità e puzza di kerosene).
E' un po' come se Kennedy, alla fine del suo discorso, avesse annunciato ai Berlinesi che per concretizzare la sua affermazione aveva acquistato un elegante e arrogante attico sul Kurfürsterdamm: ci sarebbe stato un massiccio passaggio all'Est con scavalcamento del muro al contrario.
A Lampedusa no, tutti i piccoli proprietari plaudenti a sognare l'indotto turistico. E dire che, a guardare con un minimo di realismo la carta geografica, le uniche promesse credibili avrebbero potuto essere:
  • lo spostamento di tutti gli abitanti su altre isole, in Sicilia o sul Continente
  • lo spostamento dell'isola a nord o a est della Sicilia: per questo sarebbe stato sufficiente rivolgersi a quelli del Progetto DHARMA (acronimo di Department of Heuristics And Research on Material Applications), visto in Lost: un po' di elettromagnetismo, un po' di antichi saperi e il gioco era fatto (e pensate come ci sarebbero rimasti i migranti).
Ma, aldilà di queste considerazioni, quello che salta all'occhio è la triste, disperata, inemendabile visione del mondo del cavaliere, con buona pace di Fromm e compagni: "compro dunque sono", per "essere devo avere", per essere Lampedusano devo avere un pezzo di Lampedusa.

Proprietari di tutto il mondo, unitevi!


Postilla: si può essere sicuramente stronzi anche senza essere miliardari, però aiuta molto.

6 commenti:

Sleeper ha detto...

Adorabile il riferimento a Lost! Comunque è vergognoso che gli italiani applaudano sempre quando lui apre bocca, perché una volta o due non lo prendono a sassate costringendolo ad andarsene?

Anonimo ha detto...

Ora mi aspetto che compri una villa a Manduria, a Mineo ecc.
Girolamo De Vincentiis

HYDRA ha detto...

Complimenti per il post; B. è un arrogante, ma mi domando cos'avesse da esultare la gente che lo ascoltava. Io mi sarei messo a piangere, non so più per il ridere o per la disperazione.

stellarossa ha detto...

rideva la solita claque, se non cosi' era" riso nervoso"Trovo strano non abbia detto IO SONO NAPOLEONE, o lo ha gia' fatto?.
Sto seguendo come posso le vicende, quella sera, la sera in cui hanno trasmesso il delirante show, sono uscita a guardare le stelle smadonnando, e mi dicevo: non è vero, ho sentito male,ho i nervi a pezzi...era drogato, povero vecchio scemo.
Penso che il parallelo con Kennedy sia troppo,geniale ma non c'è storia, questo qui è solo un piazzista pazzo.E drogato.Scapagnini è il suo maledetto pusher di plegine( che quello prende.)

Alberto ha detto...

Purtroppo la sua capacità di incantamento regge ancora. Ma non si sveglieranno più questi inebetiti?

Soffio ha detto...

Davvero é triste pensare a quelli che applaudono. Qualcuno ha scritto che una parte lo fa per convenienza, ma una gran parte lo fa perchè é a quel livello davvero